Oliveto_primavera estate 2016, parte terza. Mosca olearia


la trappola con attrattivo posizionata nell'oliveto, 3 aprile

la trappola con attrattivo posizionata nell’oliveto, 3 aprile

Bene, eccoci giunti al nostro spauracchio più importante. La mosca olearia! Negli anni diciamo che qualcosina avevamo già pubblicato su questo tema, riportiamo i link più importanti, ricordandovi che potete sempre effettuare una ricerca all’interno del sito, utilizzando l’icona “cerca”, una piccola lente di ingrandimento in alto a destra sulla home page.

Iniziamo col dire che dalle nostre parti, la mosca olearia si è svegliata…da circa un mese, ha già quindi compiuto la prima generazione. Come facciamo a dirlo? Abbiamo installato delle trappole di monitoraggio, già dai primi giorni di aprile, proprio al fine di osservare, capire i tempi…

Le due trappole di monitoraggio le abbiamo posizionate nell’oliveto la poppetta, in località vallecupa, il 4 aprile. Appena 3 giorni dopo, in anticipo sul controllo che è generalmente settimanale (EBBENE SI, OGNI LUNEDI MATTINA DA MARZO A OTTOBRE SI FA MONITORAGGIO…), il 7 di aprile le trappole erano piene delle piccole maledette bactrocera oleae probabilmente appena o quasi risvegliate…

la trappola, il 7 aprile!

la trappola, il 7 aprile!

 

Le foto di queste trappole, hanno fatto tremare la provincia!

 

Non tremate però amici, la mosca si trova ora e si troverà per un bel po, nel cosiddetto periodo bianco, vale a dire che non può provocare danni alla coltura…almeno non finché le nostre olive (che ad ora non sono neanche ancora fiori), non induriranno il nocciolo. E parliamo di luglio-agosto, a seconda di come procederà la stagione.

Il monitoraggio ora ha il senso di osservare e capire i tempi delle generazioni della mosca (circa una al mese), e abbinare questi dati temporali a quelli metereologici…estate calda e asciutta significherà pochi problemi, estate sotto i 30 gradi e umida significherà grane a non finire! In questo modo avremo dei dati molto importanti e piuttosto precisi, sulla quantità di mosca presente in oliveto, sull’incidenza delle condizioni metereologiche sulla sua riproduzione e aumento numerico o meno…e quando sarà il momento di agire, sapremo come agire.

Grazie ad un approccio di questo tipo, messo a punto in un anno “facile”, come l’anno passato, abbiamo potuto osservare la presenza della mosca, sempre da inizio aprile, anche se qualche giorno più tardi rispetto a quest’anno, e il suo sostanziale non aumento, di generazione in generazione, causato dalle condizioni metereologiche estremamente sfavorevoli. Abbiamo potuto valutare che la presenza di mosca a partire dal momento dell’indurimento del nocciolo, non comportava assolutamente la necessità di effettuare nessun tipo di trattamento, ne’ preventivo, ne’ di abbattimento. Abbiamo monitorato costantemente, oltre alla presenza dei voli degli adulti, anche la presenza di eventuali uova o larve all’interno della drupa, rilevando un attacco che si è aggirato nei momenti cruciali per i trattamenti, intorno all’1-2%.

Vi lasciamo giusto due link per approfondire…

buona lettura!

monitoraggio della mosca olearia…iniziamo!

TRATTAMENTI PER LA MOSCA OLEARIA

Trappole e monitoraggi per la mosca olearia

monitoraggi mosca olearia, fasi fenologiche, cosa fare!

#conosci il tuo nemico: come si comporta la mosca dell’olivo?

Spinosad e SpintorFly, esca proteica e insetticida per prevenire e contenere la mosca olearia

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *