Come si prevede la campagna olearia 2016?


Lunedi 12 settembre, località Vallecupa, ore 7.30

Lunedi 12 settembre, località Vallecupa, ore 7.30

Come stanno le olive? Come si prevede la raccolta quest’anno? Come va con la mosca olearia? Ce lo chiediamo noi, ce lo chiedono gli altri olivicoltori e anche i consumatori del nostro olio, dopo la strepitosa stagione 2015.

Ed ecco un’istantanea dello stato di salute dei nostri alberi e delle nostre olive e della zona in generale.

Monitoriamo la presenza della mosca nell’oliveto dai primissimi di aprile, per farci un’idea quantitativa, attraverso delle trappole adesive cromotropiche gialle senza feromoni e delle omeotrap riempite con attrattivo a base ammoniacale.

Le catture quest’anno sono stante costanti dal periodo del risveglio della mosca, fino ad oggi. L’estate è stata si asciutta, ma non calda, o almeno non calda abbastanza da decimare la popolazione della mosca olearia come è avvenuto l’anno passato.

alcuni dati meteo di lulgio 2016, le temperature in particolare

alcuni dati meteo di luglio 2016, le temperature in particolare

Al momento dell’indurimento del nocciolo (per alcune varietà parliamo della seconda metà di luglio!) la popolazione di mosca era piuttosto numerosa, in grado quindi di provocare problemi altrettanto numerosi. La sostanziale differenza con l’anno passato è questa, sintetizzando in maniera brutale, le quantità di mosche pronte ad accoppiarsi e ovideporre quando giunge il momento. Nel 2014 con l’estate secca (come quest’anno qui da noi) e calda (molto più di quest’anno), la popolazione al momento X era veramente ridotta ai minimi termini.

In alcune aree l’attacco ha iniziato ad essere problematico già nella prima metà di agosto, le varietà precoci sono state particolarmente colpite. I bollettini fitopatologici della nostra area hanno iniziato a consigliare da poco dopo la metà del mese di effettuare i primi trattamenti.

Queste restano settimane centrali per capire cosa ne sarà della varietà caninese, dominante nelle nostre zone, che risulta ancora ad oggi poco toccata dalla mosca, grazie alla sua maturazione più tardiva.

alcuni dati meteo di agosto 2016, le temperature in particolare

alcuni dati meteo di agosto 2016, le temperature in particolare

Nei nostri oliveti, gestiti lo ricordiamo in biologico, la situazione è talvolta ottima, talvolta zoppicante.

Abbiamo adottato quest’anno una politica di prevenzione esclusivamente a base di Spintorfly, iniziando dai primi giorni del mese di agosto, un paio di settimane prima della fase di indurimento del nocciolo, quando cioè la drupa è ospitale per l’ovodeposizione.

Come in generale nella zona, l’attacco ha riguardato soprattutto le varietà precoci, per le quali stimiamo un 30% del raccolto compromesso. Tutto sommato siamo soddisfatti di questa percentuale, in agricoltura biologica molto spesso si è piuttosto indifesi in questi casi.

Fortunatamente la maggior parte dei nostri oliveti è composta di varietà caninese…che al monitoraggio di stamattina si presenta ancora in condizioni ottimali. Sarà per la maturazione tardiva, sarà che quest’anno siccitoso le olive sono ancora piccoline, sarà per l’azione di contenimento della popolazione di mosca attuata…sta il fatto che le olive sono ancora belle sane!

Dal punto di vista qualitativo cosa ci aspettiamo? È difficile dirlo, ancora troppo presto. Eguagliare una stagione perfetta come quella dell’anno passato sarebbe stato impensabile, ma aspettiamo ad esprimerci, rimandando all’inizio della raccolta e all’assaggio dei primi oli.

Quantitativamente la produzione si manterrà su livelli medi.

 

Manca un mese gente. Ci siamo.

Leggi anche:

Rispondi